fbgplus rss icon

Nicola Cecchi del "Gruppo Ospedale SS Cosma e Damiano Pescia difendiamolo" interviene sull'ospedale di Pescia.

"E' ormai risaputo che, da tempo, la Sanità toscana tende inesorabilmente ad allontanare i cittadini dal servizio pubblico. Non a caso la Direzione dell'ASL Centro (di cui Pescia e Pistoia fanno parte) ha recentemente deliberato di "cedere" ai privati 36mila visite specialistiche e 36mila ecografie l'anno.
Come pure è inconfutabile quanto riportato nel Rapporto Osserva Salute relativo al 2017 (pubblicato il 19/4 u.s.) secondo il quale, la spesa sanitaria toscana pro-capite, ha subito un'inversione di tendenza dal periodo 2015-16 per arrivare ai valori attuali inferiori alla media nazionale. All'interno di questa "tragica" cornice, si inserisce il.. "percorso ad ostacoli" che i pazienti sempre più spesso sono costretti ad affrontare nel tentativo di usufruire di una prestazione sanitaria. Anche a Pescia da, svariati mesi, la cosa si è complicata per coloro che devono affrontare prestazioni ripetute.
Ad ogni appuntamento successivo infatti, i malcapitati devono essere registrati al CUP. Questo in nome della quantificazione delle prestazioni (ma non sono desumibili dalla cartella ambulatoriale?) così cara all'establishement burocratico-amministrativo che governa la Sanità come fosse il registro del Catasto.
Ecco quindi che pazienti, spesso cronici e non del tutto autosufficienti, ad ogni accesso, prima di essere accuditi, dovranno affrontare interminabili code al CUP per essere registrati. Se non sono in grado di farlo in prima persona, toccherà ai parenti o addirittura agli ambulanzieri che li accompagnano. In pratica per una prestazione relativamente breve, si arriverà ad un notevole inutile spreco di tempo.
Tempo del malato, tempo di lavoro perso dei parenti, tempo sprecato degli ambulanzieri che inevitabilmente si ripercuoterà sui loro successivi servizi a scapito di altre famiglie e di altre persone malate.
E' quindi intuitivo come, il fine ultimo, sia quello di rendere sempre meno accessibili le prestazioni, probabilmente nella speranza che la maggior parte dell'utenza stremata si rivolga al "privato" o si rassegni. In tal modo si otterrebbe un duplice risultato: si accorcerebbero le liste d'attesa e si giustificherebbe il progressivo depotenziamento del personale sanitario.. già però, come sempre, sulla "pelle" dei pazienti e degli operatori!"

Redazione

0
0
0
s2sdefault

NUMERITRASPORTITEATRICINEMA     LIBRI    
numeriutiliNumeri telefonici e contatti utili della Valdinievole
Emergenze, ospedale di Pescia, guardie mediche, farmacie, polizia municipale.
trasportiMuoversi/Moving in Valdinievole
A piedi, in bicicletta, con bus, treni o con la tua macchina da e per la Valdinievole: orari e percorsi."
animalismarritiI teatri della Valdinievole
Gli spettacoli teatrali della Valdinievole.
pubblicoTutti i film proiettati in Valdinievole
I film presenti nelle sale di zona.
libreriaUna selezione di pubblicazioni che parlano della Valdinievole.
Turismo, storia, artie, politica, sociale ed economia.

Cerca nel giornale

Meteo Toscana

meteo

Per la tua pubblicità su questo sito

Contatta il nostro reparto commerciale che ti fornirà tutte le informazioni necessarie.
Tel: 0572 040204
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0
0
0
s2sdefault

Muoversi in Toscana

I mezzi pubblici che puoi utilizzare per spostarti in Toscana.
Regione Toscana

0
0
0
s2sdefault

Più letti

 
messaggio pubblicitario

I Giardini sospesi String_Gardens a cura di diADE adv